Il Coro Che Non C’è è un coro che non esiste

 

Non esiste perché non ha una sede precisa, non ha né un giorno fisso di prova, né una divisa. Non ha neanche una data esatta di fondazione, se ne parla da anni ma nessuno sa quando sia effettivamente partito il progetto. Alcuni dicono che sia nato al Festival di Primavera di Montecatini, altri che sia nato l’estate del 2019, altri ancora fanno notare che da anni esiste un video su YouTube chiamato La Stirpe dei Dodo fortemente collegato a questo gruppo.

Il coro che non c’è è dunque un’idea abbastanza vaga: attualmente si tratta di un gruppo corale formato da alcuni elementi facinorosi provenienti dai cori dei licei Albertelli, De Sanctis, Keplero, Visconti e altri licei ed università sparse per il globo. Negli anni, sotto la guida di Dodo Versino, è nata spontaneamente una piccola rete corale, che proveremo a riassumere per punti:

  • Prove interliceali – I coristi non solo fanno le prove nel proprio liceo, ma spesso attraversano tutta Roma per imbucarsi alle prove degli altri.
  • Pronto soccorso corale – In caso di necessità i coristi del coro di un liceo vanno a rinforzare l’organico dell’altro, trasformando così un coro di dieci elementi in uno di cento.
  • Arrangiamento collettivo – I più fomentati prendono parte a intere giornate di arrangiamento per la produzione di armonizzazioni originali da cantare in coro (è l’esempio del medley Queencubo).
  • Socializzazione e nuove amicizie – I coristi si mescolano tra loro e finiscono spesso a prendere il gelato o semplicemente ad uscire insieme.

 

Nato dall’unione di alcuni cori liceali romani diretti da Ludovico “Dodo” Versino, il coro che non c’è si fa conoscere con il video Queencubo, un medley a cappella dei Queen che raggiunge in pochi mesi quasi mezzo milione di spettatori tra YouTube e RepubblicaTV e porta i ragazzi a esibirsi nella trasmissione Tu Sí Que Vales, sul palco dell’Auditorium Parco della Musica e perfino al Quirinale.

Recentemente un altro video del coro è diventato virale in Italia e negli Stati Uniti: si tratta della versione corale virtuale del brano Helplessly Hoping di Crosby Stills e Nash, girato durante il periodo di quarantena, che raggiunge in breve tempo le 400.000 views su YouTube grazie anche alla menzione da parte di David Crosby stesso. Il video è stato poi ricondiviso da diverse testate giornalistiche italiane e internazionali (La Repubblica, New York Times, ABC news) ed è apparso anche nella trasmissione Musica Che Unisce, di Vincenzo Mollica, andata in onda su RAIUNO il 31 marzo scorso.

A Maggio, ormai diventati un vero Virtual Choir, i ragazzi cantano Buonanotte Fiorellino di De Gregori in un video dove ricreano l’atmosfera di una dolce ninna nanna collettiva e che ha raggiunto le 100.00 views. Il brano allevia la pesantezza della quarantena che volge al termine e porta uno sguardo di speranza verso il futuro.

 

Che ne sarà del futuro di questo gruppo non ci è dato saperlo, ma nel frattempo lunga vita a Il Coro Che Non C’è!

Nei social ci trovate qua (clicca per essere reindirizzato):